domenica 1 ottobre 2017

L'AUMENTO STIPENDI IN SEI TOSCANA E' INDEGNO: PAGHINO LE COOP ROSSE


L'aumento dei compensi per i consiglieri di Sei Toscana è una decisione indegna, l'ennesimo schiaffo ai cittadini su cui già gravano le pesanti conseguenze di una gestione fallimentare che ha portato al commissariamento di Sei Toscana e alle inchieste giudiziarie in corso. Se proprio i consiglieri espressi dai soci si vogliono aumentare lo stipendio chiedano i soldi alle cooperative rosse e a Banca Etruria che hanno contribuito a creare un sistema che negli anni ha arricchito i soliti noti a danno della collettività.
Insieme a gli assessori del Comune di Grosseto Fabrizio Rossi e Simona Petrucci, il capogruppo di Fratelli d'Italia al Consiglio comunale di Grosseto Bruno Ceccherini e l'assessore all'ambiente del Comune di Orbetello Luca Minucci, abbiamo condannato la decisione avallata in questi giorni dall'assemblea dei soci.


Questo aumento è ancora più assurdo se si considera che il Consiglio di amministrazione, con il commissariamento, è svuotato di molte delle sue funzioni speravamo che in questa situazione ci sarebbe stata almeno la dignità di evitare le manovre già protagoniste della peggiore politica che ha portato al disastro attuale. Dopo aver denunciato il cupo sistema di scatole cinesi che ha caratterizzato la gestione dei rifiuti nelle province di Siena, Arezzo e Grosseto, continueremo a batterci per la trasparenza chiedendo una gestione pubblica limpida ed efficiente; coloro i quali hanno causato la pesante situazione attuale abbiano almeno il buonsenso di farsi da parte e favorire il ritorno alla normalità.


Cos'è SEI Toscana? guarda il video per capire di cosa si parla: