mercoledì 7 ottobre 2015

Debiti famiglia Renzi: vado in Procura, Fidi Toscana forzò garanzia

Data la risposta fornita oggi in Consiglio regionale dall'assessore della Regione Toscana Stefano Ciuoffo, sulla vicenda dei debiti dell'azienda di famiglia del premier, andrò alla Procura della Repubblica di Firenze perché a Fidi Toscana si è consapevolmente forzata la procedura prevista da regolamento per pagare la garanzia concessa all’azienda Chil della famiglia Renzi. 



Stando alla ricostruzione ufficiale della Regione, Fidi Toscana si era accorta che l’impresa Chil della famiglia Renzi era diventata da maschile a femminile e si era trasferita dalla Toscana alla Liguria e per questo aveva sospeso la procedura di erogazione del mutuo. 
A quel punto la Bcc di Pontassieve - che ha concesso il mutuo grazie al parere di Marco Lotti, padre di Luca Lotti Sottosegretario del governo Renzi - ha fornito i documenti che lo dimostravano e sulla base della quale oggi la stessa Fidi, con il parere della Regione, ha chiesto alla banca la revoca della garanzia attraverso il curatore fallimentare.
E’una vicenda su cui ci sono troppe ombre: bastava leggere la carta di concessione del mutuo alla Chil per notare che era stata firmata da Tiziano Renzi come rappresentante di un’azienda che aveva il diritto ad una agevolazione per imprese femminili. 
Ci sono troppi fattori sulla base dei quali non crediamo che si tratti di un caso, partendo dal fatto che uno dei fondatori di Fidi Toscana è Alberto Bruschini, zio di Francesco Bonifazi renzianissimo tesoriere del Partito democratico. 
Ora saranno i magistrati a decidere cosa fare sulla base dei documenti che consegnerò loro.